Prenota

LE NOSTRE PERSONE

La gente che rende la Val di Sole grande

  • hospitality

conosci la val di sole attraverso le persone che la vivono

La nostra gente

La Val di Sole è terra di eroi, persone che hanno compiuto scelte insolite e corraggiose e che ogni giorno con semplicità intraprendono azioni straordinarie. Persone comuni che scelgono di vivere la natura, con rispetto e profondo amore. Artisti, agricoltori, scrittori... le sfaccettature delle persone che vivono in Val di Sole sono tante e diverse: conoscile!

Fabbro - Luciano Zanoni | © Archivio APT Val di Sole - Ph Tommaso Prugnola

padre e figlio: gli artisti del ferro

Luciano e Ivan Zanoni

Luciano e Ivan Zanoni sono padre e figlio. Sono nati e tutt'ora vivono a Caldes in bassa Val di Sole. La loro famiglia ha sempre lavorato il ferro costruendo attrezzi e carri per l’agricoltura. Luciano è stato il primo a rompere la tradizione di famiglia e a dedicarsi all'artigianato. Fin da piccolo ha sempre aiutato il padre a scaldare il ferro, batterlo e tagliarlo ma dopo la morte del padre la sua famiglia contava economicamente su di lui e si trasferì in Alto Adige. Nel 1979 però l'amico Paolo Vallorz famoso pittore originario di Caldes trapiantato a Parigi organizzò una festa in Località Le Contre a Caldes e Luciano per l'occasione creò mele e pere in ferro. Da quel momento nasce la storia artistica della famiglia Zanoni. Dopo le prime mele e pere, Luciano ha iniziato un attento studio dell’orto: osservava per ore le piante e poi si chiudeva in bottega per riprodurre i frutti dell’orto. Sono stati questi gli anni di nascita di Luciano come artista che divento popolare quando creò un albero di ulivo per la villa di Bill Gates a Seattle. Come il padre anche il figlio Ivan sviluppa la passione per la lavorazione del ferro, fin da piccolo apprende le tecniche della lavorazione. Diversamente dal papà Ivan prende ispirazione dal mondo animale. Per ringraziare la Val di Sole la terra da cui hanno preso ispirazione hanno creato opere che la celebrano, come la Meridiana di Monclassico che puoi vedere passeggiando tra le vie del paese.

Azienda Agricola Pedergnana | © Archivio APT Val di Sole - Ph Patrizia Pedergnana

l'orticoltrice in val di pejo

Patrizia Pedergnana

Patrizia Pedergnana è una giovane imprenditrice che di mestiere fa l’orticoltrice. In Val di Pejo, a 1000 metri d’altitudine, conduce l’azienda agricola biologica Orticoltura Pedergnana, dove produce tipicità come i crauti o i carciofi di montagna ed antiche sementi della Val di Sole (il fagiolo diavoletto viola, il mais rosso), di cui è diventata custode per salvaguardare la biodiversità agricola. Quando il paese di Ossana nel 2019 indice un bando per realizzare un market di nuova concezione, a basso impatto ambientale e plastic free Patrizia si aggiudica la gara. Il suo market ha aperto i battenti a Fucine frazione di Ossana ed è destinato alla vendita esclusiva di specialità prodotte nel raggio di 110 chilometri, per rafforzare l’economia del territorio e le filiere corte. Nel suo agrimarket La Dispensa, Patrizia vende i prodotti alimentari senza confezionamento in plastica o usando vetro e sacchetti o buste in carta, stoffa o altro materiale riutilizzabile. In più, il nuovo market è destinato, nelle intenzioni di Patrizia, a diventare un punto di riferimento per la comunità locale, offrendo il wifi libero e prestando servizi di pubblica utilità come ad esempio la prenotazione di visite specialistiche, la stampa dei referti medici e lo smistamento dei medicinali inviati dalle farmacie limitrofe. 

Eulalia Panizza | © Archivio APT Val di Sole - Ph Enza di Lecce

eulalia panizza scrittrice e naturopata

Eulalia Panizza

Eulalia Panizza è una scrittrice, naturopata e grandissima esperta di erbe, fiori, radici e piante di montagna. Vive a Vermiglio, in una deliziosa casetta di montagna costruita con legno e pietra locale. Non ha radio e televisione, e tutto ciò che sa, come dice lei, glielo hanno insegnato i boschi e i prati di montagna che sin da quando era bambina, erano stati il suo mondo. Le conoscenze contadine dei suoi genitori e la povertà che un tempo obbligava chi viveva in montagna a utilizzare tutto ciò che la natura del territorio offriva per sopravvivere, sono state la sua grande scuola.
Oggi Eulalia insegna e scrive libri, e sono tanti i giovani del posto che la seguono nelle sue lezioni su come riconoscere e utilizzare la flora di montagna. Eulalia è un’istituzione nell’alta Val di Sole. A Vermiglio, all’ombra della Presanella, si sviluppano le attività della scuola di montagna Raggio di Sole.  Qui vengono insegnate le attività di autoproduzione che sono state fondamentali nel dopoguerra per la sopravvivenza delle famiglie nei territori di montagna: la realizzazione del sapone, la fibra d’ortica che diventa tessuto, la preparazione della birra: sono solo alcuni degli insegnamenti che si possono scoprire. 

Olga Casanova | © Archivio APT Val di Sole - Ph Dario Andreis

prodotti cosmetici naturali e biologici

Olga Casanova

Un cambio di vita radicale dopo 20 anni da estetista. Olga Casanova, con la sua azienda divisa tra alta Val di Sole e la Val di Pejo oggi è un’istituzione a livello europeo per la cosmesi naturale: per confezionare i suoi prodotti biocertificati utilizza i fiori d'arnica,il timo, la calendula e soprattutto le stelle alpine. Pochi sanno che queste ultime sono miracolose contro i radicali liberi. La forza di Olga? La passione, una gran forza di volontà, amore per la propria terra e la voglia di trasformare le materie prime dei prati solandri in un asset di sviluppo sostenibile. 
L'azienda agricola biocertificata di Olga Casanova è immersa nel verde della Val di Sole, nel Parco Nazionale dello Stelvio. Nasce con l'obiettivo di valorizzare il territorio, l'agricoltura, il turismo della Val di Sole e garantire il benessere con i suoi prodotti e cosmetici naturali e biologici, garanzia di qualità. La particolarità dei prodotti cosmetici che Olga crea con le piante coltivate e la qualità certificata hanno permesso alla sua azienda di diventare un’eccellenza nel settore della cosmesi biologica e naturale. Il fiore all' occhiello della sua produzione? Le creme alla stella alpina, le creme all'arnica timo e le creme alla calendula.

Livio Conta | © Archivio Associazione Le Meridiane

statue, sculture e dipinti

Livio e Giorgio Conta

Livio e Giorgio Conta sono padre e figlio, due artisti con bottega a Monclassico nella cui casa, accanto al laboratorio dove nascono le loro opere, trovano spazio statue, sculture in legno e bronzo e dipinti che stupiscono per la varietà dei soggetti, la versatilità dei materiali e la complessità dei messaggi che sanno comunicare. Livio, il padre, è nato a Monclassico  il 28 gennaio 1939  ha frequentato le scuole della scultura in legno della Val Gardena e poi ha vissuto a Parigi, in Spagna, a Pietrasanta e infine a Milano forse il periodo più difficile del sua girovagare, fino a quando, alla morte del padre, la madre l’ha convinto a tornare in Val di Sole dove ha impiantato la sua attività. La scelta di rimanere in periferia, nella sua valle di nascita, l'ha condizionato nei contatti con le correnti artistiche, ma lo ha anche aiutato. Infatti, nella casa paterna ha potuto dare libero sfogo alla sua creatività. Giorgio invece ha frequentato il liceo linguistico e poi per quattro anni la stessa scuola di scultura del padre a Ortisei. Adesso Livio e il figlio condividono la bottega, ma le opere che nascono hanno strade diverse anche se il legame di sangue traspare in molti tratti. Se sei incuriosito e vuoi vedere le opere di questi artisti puoi visitare il loro atelier proprio a Monclassico nell’antica casa di famiglia al cospetto del Sasso Rosso.

la prima donna italiana nello spazio

Samantha Cristoforetti

Samantha nasce e passa la dua giovinezza a Malè, intraprende il suo percorso studi prima a Bolzano e poi a Trento, laureandosi in Ingegneria Meccanica all’Università tecnica di Monaco di Baviera. Nel 2001 è ammessa all'Accademia Aeronautica di Pozzuoli, uscendone nel 2005 come “Ufficiale” del ruolo naviganti normale e con la laurea in Scienze Aeronautiche. In seguito ad una specializzazione negli Stati Uniti, inizia così una brillante carriera nell’Aeronautica Italiana. La svolta avviene a maggio 2009, quando è selezionata come astronauta dall'Agenzia Spaziale Europea. Con la sua partecipazione alla spedizione  ISS Expedition 42/43 Futura diventa la prima donna italiana nello spazio.

Samantha Cristoforetti

VIDEO

La nostra gente

find your heritage

find your taste

like a local

Vacanze Sicure
leggi